cervello


C come Casini detto Pierferdinando

Dopo tanti insulti reciproci Casini ha deciso che gli conviene tornare con Berlusconi.
Alla volte il destino è nel nome: Casini = casino = un po’ puttana.

 

C come comico
Un comico leader di partito resta un comico professionista – a differenza del suo collega Silviuccio loro comico dilettante – e quindi qualche volta riesce ancora a inventarsi una gag strepitosa.
Grillo fa un referendum sul Web chiedendo ai suoi stellini se deve andare a parlare con Renzi sperando che dicano di no. Ma quelli dicono di sì. E allora ci va, ci va per dire a Renzi: “Io con te non parlo!”.
Grande!
Poi dichiara di non volere giornalisti intorno e si mette a fare un comizio fuori dal festival di Sanremo dove, come tutti sanno, i giornalisti non vanno mai. O almeno non vanno in numero superiore ai tremila.
Nel comizio dice che la RAI è la principale causa della rovina dell’Italia. Ora c’è da osservare che la parola principale di per se stessa si presta a essere adoperata una volta sola. Ma qualcuno di voi ricorda quante principali cause della rovina dell’Italia ha menzionato Grillo? Quasi quante volte ha parlato di colpo di stato. E ci sarebbe pure da discutere su questa affermazione.
Prima della RAI di cause di rovina ce ne sono tante e maggiori anche tra le televisioni (Berlusconi dovrebbe essere condannato a risarcirci miliardi di euro per avere con le sue televisioni rincoglionito gli italiani, che già di loro…).
Ma una cosa giusta Grillo l’ha detta.
La RAI ha tanti impiegati e poi paga centinaia di milioni per produzioni esterne. È scandaloso.
Se i dipendenti RAI non riescono a produrre non dovevano essere assunti o se invece, come crediamo, sarebbero in grado di produrre, non si deve ricorrere a produzioni esterne costose. Con una piccola parte della cifra intanto si potrebbero stabilizzare i tanti poveri giovani e meno giovani precari della stessa RAI.
Che magari sono più bravi di quelli assunti in pianta stabile grazie alle raccomandazioni dei politici.
E lo stesso vale per i consulenti esterni di comuni e regioni.
Quanti miliardi di euro si potrebbero risparmiare?

 

E come evasori
Tutte le volte che governava Berlusconi l’evasione fiscale è aumentata o si è mantenuta stabile per poi calare quando il Berlusca è rimasto a casa.
Perfettamente regolare.
Lupo non mangia lupo.

 

G come gatta
Una buona notizia, ma solo a metà.
“Assolta perché il fatto non sussiste”. Nella giornata di apertura del processo a carico di Barbara Balanzoni, chiamata in giudizio a rispondere del reato di disobbedienza aggravata e continuata per avere salvato la vita a una gatta partoriente, cade – su richiesta del Procuratore Capo della Procura Militare – la principale accusa mossa all’ufficiale medico italiano di stanza, all’epoca dei fatti, nella base militare italiana in Kosovo. La formula di assoluzione, pronunciata prima che il dibattimento venisse aperto, tuttavia non chiude il processo di gattoBarbara Balanzoni che deve rispondere anche dei reati di diffamazione aggravata e ingiuria aggravata e continuata.

 

G come gatti
“I gatti pensano che l’uomo sia un micio più grande.”
Secondo una ricerca del biologo inglese, John Bradshaw, i gatti si comportano con gli esseri umani come si comporterebbero in natura con un felino più grosso che fa da sostituto alla madre.
Miaooooooooooooooooooooooooo.

 

G come Giovanardi
Giovanardi ha rivelato che sua figlia ha avuto una storia con un uomo di colore che era sposato con un altro uomo.
Ben gli sta! Dante lo chiamava contrappasso.

 

camion pompieriI come incendio
A Nikkyskj capitale della piccola repubblica caucasica del Minchjenstayn un incendio ha distrutto 8 tra macchine e camion.
E non è stato possibile chiamare i pompieri in quanto le vetture bruciate erano proprio quelle del parco macchine dei pompieri.

 

M come Matteo Renzi
Matteo, ma in realtà che cosa vuoi fare?
Io non ci sto capendo una benedetta minchia.

 

M come Mister Gay
Mister Gay 2012 è un papà palermitano.
Il nuovo Mister Gay Italia è Alessio Cuvello, padre di un bambino di 3 anni.
Divertente.

 

O come olgettine
Da alcune settimane, Silvio Berlusconi non corrisponde più la paga alle oltre 30 cosiddette “olgettine”. Dalla fine del 2013, a quanto pare, le ragazze, che hanno percepito in questi ultimi anni € 2.500 al mese in media, hanno visto chiudersi i rubinetti dai conti correnti personali del leader di Forza Italia. Troppo alto il rischio di finire ai domiciliari fin dai prossimi giorni, avrebbero intimato gli avvocati Ghedini e Longo.
Povere mignottine.

 

O come orologio
Creato un orologio che non segna le ore ma si colora in 4 colori differenti secondo il periodo del giorno.
Un perfetto orologio per cretini inventato da un cretino.

 pompiere

P come perdono
Vi chiedo perdono. La voce I come incendio me la sono inventata.
Non mi dite che avete creduto che esistesse davvero il Minchjenstayn.

 

P come poveri delinquenti
I vecchi genitori morti non si sotterrano più. Si tengono in casa nel congelatore per poter continuare a riscuotere pochi euro di pensione. Due casi in pochi giorni. D’ora in poi siete autorizzati a guardare con sospetto i vostri vicini che hanno un grande congelatore.
Una signora di 65 anni ruba dei pezzi di pollo e un pezzo di formaggio in un supermercato e viene sorpresa con la refurtiva. Valore del maltolto € 7,50. Cerca di giustificarsi dicendo che c’è stato un ritardo nell’accredito della sua favolosa pensione da € 350. Denunziata lo stesso, così impara.
Un imbianchino incensurato perde il lavoro ed esasperato va a rapinare i negozi con un taglierino. E ci va con i suoi indumenti da lavoro macchiati di vernice, probabilmente non ne ha altri oppure ha scambiato le rapine come il suo nuovo vero lavoro e va a lavorare con gli abiti di quello vecchio. Naturalmente arrestato facilmente. Ma in carcere almeno i pasti sono assicurati.
evasoriSarei curioso di sapere chi hanno votato questi poveri disgraziati negli ultimi 20 anni, se hanno votato. Non avranno magari votato per qualcuno che aveva promesso di farci diventare tutti più ricchi? Impresa riuscita parzialmente, più ricchi sono diventati solo quelli che ricchi lo erano già, in primis lui che quando è entrato in politica era pieno di debiti e sull’orlo del fallimento. E prima di uscire di scena ha fatto un accordo demenziale con i nostri amici tedeschi sul rientro del debito pubblico, una medicina con dosi da cavallo che ha finito per uccidere il cavallo, che già dopo tanti anni di false promesse stava male di suo.
E per chi voteranno nel futuro gli italiani, visto che al peggio non c’è mai fine? Magari daranno ancora più voti, già gliene hanno dati milioni, a un altro ricco signore che hanno votato a febbraio, passando da un comico dilettante a uno professionista. Un ricco signore che sostiene che dovremmo uscire dall’euro e non pagare più il debito pubblico, così domani avremmo un’inflazione al 200% e non potremmo più pagare gli stipendi e le pensioni.
Siamo poveri ma non più belli, siamo solo cretini.

 

T come tasse
Le tasse in Italia sono troppo alte in rapporto ai servizi che lo Stato ci offre. poveri
E chi protesta di più? Noi poveri lavoratori dipendenti o pensionati che le tasse le paghiamo tutte?
No, gli artigiani, i commercianti e i professionisti che spesso evadono. Se lor signori evasori le tasse le pagassero pagheremmo tutti molto di meno.

 

 

 


Si ringrazia per l’editing Benedetta Volontè.

Latest posts by Giovanni Merenda (see all)

7 thoughts on “Alfabeto minimo n.50

  1. Ciao…ma anch’io continuavo a far zapping…certo non si puo’vederlo per 5 sere 4ore fila,ma io ero mossa dalla curiosita’di vedere a Che punto sia scesa la musica italiana

    Ora riparte anche Il Grande fratello e anche se non lo sopporto,lo vedro’all’inizio solo per vedere Che elementi hanno scelto.Con questo non volevo obbligarti a scrivere si queste cose,ma e’come la pop art,non emoziona,ma ha fatto successo comunque…

  2. Sì, ma almeno dopo l’olio di fegato di merluzzo per farmi passare il saporaccio mi davano la birra. Dopo aver visto Sanremo che devo vedere per farmi passare il disgusto? Ammesso che non vomiti prima…

  3. Sempre divertente!Io ci metterei dentro anche la S di San Remo…si e’parlato tanto di bellezza,ma dalla bocca della Letizzetto uscivano solo volgarita’.Come al solito ha vinto Una canzone che non si meritava Il primo posto…se volevano fare un favor in none della bellezza allora sarebbe stato meglio che quei soldi fossero andati a Musei e restauri…

      1. Caro Giovanni, proprio per questo dovresti parlarne: potresti farlo con la tua consueta vena sferzante 😉

          1. Ricordi il sapore dell’olio di fegato di merluzzo che ci propinavano da bambini? Dicevano che era per il nostro bene…

            Ebbene, tu vedilo, a piccole dosi, anche a spezzoni in streaming, se lo trovi in Rete.

            Poi parlane, per il Bene degli Italiani 😉

            PS

            Non mandarlo giù tutto d’un fiato, potrebbe essere letale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.