di Cla

 

Freddie Mercury    poster

 

Chi siamo, cosa sappiamo realmente della vita degli altri, siamo certi di conoscere fino in fondo chi abbiamo scelto di avere accanto per condividere una vita insieme.

Chi fosse Freddie Mercury non lo possiamo sapere e forse non lo aveva capito nemmeno lui, ma una cosa è certa: il cinema deve riuscire a toccarci il cuore e Bohemian Rhapsody  vi riesce e anche molto bene.

La scelta degli attori così somiglianti fa sì che lo spettatore partecipi ancor più agli eventi del film; in alcuni momenti ci sembra di stare a guardare proprio i Queen, le discussioni tra loro e con chi orbita intorno alla Band ci stanno benissimo e poco importa se le cose realmente sono andate così, così come i suoi rapporti umani, sentimentali e sessuali.

Perché quello che conta veramente è che Freddie Mercury era un grandissimo artista, e come diceva lui di se stesso “un performer” o come diciamo noi il più grande “performer” mai esistito.

Bohemian Rhapsody ci regala proprio questo, un uomo alla ricerca di se stesso. E lo trova quando sale sul palco e riesce a coinvolgere ed emozionare decina di migliaia di persone.

Chi amava i Queen li amerà ancora di più… E gli altri?… Chissà, comunque questo film ci voleva.

 

 

Gamy Moore
Follow me

Gamy Moore

Gamy Moore, ovvero Paoletta, Piumetta, e chi più ne ha più ne metta... Croce e delizia della rete.
Sceneggiatrice, scrittrice, poetessa in rima.
E il mondo viveva meglio prima.
Gamy Moore
Follow me

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.