“Tenere sempre in mano questa frusta
procura mal di schiena e pur la susta”

 

mi sono detta un giorno o una mattina
se ben ricordo era davanti a una tazzina…

 

No, sto sbagliando, ero in redazione
e avevo appena fatto colazione.


 

Il mondo mi dipinge a torto da virago
eppure agli uomini do sempre poco spago

 

son loro che mi cercano e capisco
che mentre loro dormono, sfiorisco

 

cullandosi beati fra gli errori
è d’uopo risanare i loro orrori…


 

La cosa è controversa, qua però si smazza
mi tocca lavorar ormai come una pazza

 

e questo sol perché so’ pasticcioni
non vedono i refusi co’ gli occhioni

ma manco con le lenti sopra e sotto
ne viene fuori un testo non corrotto…


 

Bella puntuale, tutte ‘e settimane
m’arriva
‘na caterva de panzane

 

e fra italiano, mescole e dialetto
te s’arrovella tutto il colon retto

 

e mandi giù un po’ rospi un po’ veleno
che il fegato ribolle tutto pieno

 

lo stomaco ti duole e non ti sazia
l’idea di scappartene in Alsazia.


Ma che me frega a me se questa nave
invece che na barca è sol ‘na trave

 

e se s’imbrana in una locuzione
che fa tremar l’intera redazione

 

me dico: nun so’ tutti luminari
e daje a rigirar vocabolari

 

per stargli appresso ci vuole assai pazienza…
te tocca diventa’ nu pozz e scienza.



Ma qualche volta poi ti gira male
se te rimbalza n’ error fenomenale

 

lo guardi bene, no, non è un refuso
è che l’Autor, come si dice, è fuso…

sicché bestemmi in turco tutti quanti
che ne vorresti pieni i camposanti


 

e invece che crepare in redazione
spedire tutti dritti a ‘na lezione

 

poi  fra grammatica, sintassi e antologia
mandare giù a memoria questa mia…

 

“Ve c’hanno mai mannato a quer paese?”
e questo se vuoi essere cortese…


 

A stare appresso a questi n’esci pazzo
chi più chi men son tutti teste ‘e c….

 

e vi assicuro, non dico una bugia
se crescono due palle senza chirurgia!

 

Finisco qua, che se ne vien Trilussa
si nun sta zitta lo dico a tutti: russa.

(Gamy Moore)




 

 

 

 

 

 

Legenda

 

Susta: in dialetto barese significa ‘umor nero’

Trilussa: appellativo della Dama di Picche (DdP)

 

 

Gamy Moore
Follow me

Gamy Moore

Gamy Moore, ovvero Paoletta, Piumetta, e chi più ne ha più ne metta... Croce e delizia della rete.
Sceneggiatrice, scrittrice, poetessa in rima.
E il mondo viveva meglio prima.
Gamy Moore
Follow me

3 thoughts on “(H)umor nero

  1. Troppo buona, amica mia!
    Stiamo facendo una gara io e la DdP.

    Ma lei mi batte, non c'è dubbio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.