A cura di Raffaele Abbate

Io sono di stampo rozzo e non mi pavoneggio con alati versi davanti a frivole ninfe ancheggianti, io son privo di ogni bella proporzione nello scrivere e le mie parole sono ingannatrici, deformi, incompiute.
In questo mondo che ci vogliono fare apparire luminoso e solare quando invece è una realtà storpia e brutta e per questo lancio i cani abbaianti delle mie parole.

Ebbene in questo fiacco e flautato mondo non ho altro piacere con cui passare il tempo se non quello di osservare e raccontare la realtà sottolineandone la deformità e l’assurdità. Per occupare questi giorni belli ed eloquenti, son deciso a dimostrarmi canaglia e a odiare gli oziosi piaceri dei nostri tempi.
Questa è la mia ispirazione.