L’esibizione del principino Savoia sul palco sanremese che grazie al “voto popolare” (ovvero noleggio di un call center)  è arrivato in finale,    mi ha fatto ritornare in mente quanto, qualche anno orsono, lessi sul “Mattino”  di Napoli: una lettera aperta che il Maestro Roberto De Simone manda al principe  babbo, il  “dott. Savoia V.E” , frequentatore assiduo di bordelli di alto e basso bordo.

SE VE LA SIETE PERSA LEGGETELA !!!!!

Caro dottor Savoia,

sono un napoletano come te e ho più o meno la tua età: sotto i settant’anni. Nell’apprendere che probabilmente verrai a Napoli, mi sono riaffiorate alla memoria ridde di avvenimenti risalenti al 1943, dei quali tu fai parte comunque, e che quindi mi corre l’obbligo di comunicarti.

Nell’ex convento di Monteoliveto, presso la Posta centrale, tra le rovine causate dal bombardamento del 4 dicembre 1941, si erano insediate, nel ‘43, le truppe americane di occupazione, e i napoletani della zona, affamati, ivi sostavano spe­rando in qualche gesto d’elemosina, o in una vendita di prodotti alimentari che i militari effettuavano per poche am-lire.

Tra i tanti, mi trovavo lì con mia nonna, avevo dieci anni, e la mia famiglia era ridotta in disperate condi­zioni dopo che mio padre era stato dimesso dall’esercito coloniale. A un tratto, dalle scale del cortile di Monteoliveto discese un americano il quale mostrò una grossa scatola di carne e si accinse ad aprirla. Tutti, credendo che egli volesse distribuirne il contenuto tra più persone, gli si affollarono intorno, ma il militare, non appena ebbe tagliato il coperchio, scaracchiò rumorosamente e sputò sulla carne, gettando la scatola a terra, tra le risate degli ame­ricani presenti. Purtuttavia, ricordo che una donna si chinò a recuperare la scatola, togliendone la parte su­periore della carne.

A tal punto, un secondo militare si sbottonò i pantaloni e pisciò sulla scatola, bagnando anche la donna che ad alta voce bestemmiò. Ma tu non puoi ricordare tali cose: eri bene al sicuro con tuo nonno che proditoriamente era fuggito abbandonando la Nazione all’invasione delle truppe anche di colore.

Le persone come me, e sono tante, ricor­dano, ricordano: e io mi ricordo del povero Rosario De Leva, figlio del maestro Enrico De Leva, autore di «Spingole francesi», di «‘A nuvena» e di tante altre belle melodie. Rosario aveva quindici anni, e come me studiava il pianoforte con Tita Parisi, presso la quale mi recavo a prendere lezione, in via dei Mille, nello stesso palazzo in cui abitava il maestro De Leva. Il giovanissimo Rosario, un sabato mattina del settembre del ‘43, stava percorrendo via Vittoria Colonna, quando udì intimargli l’alt da una pattuglia tedesca. Rosario prese a correre e si rifugiò nella vicina chiesa dell’Ascensione, ma fu raggiunto da due militari che con tre colpi di pistola lo ammazzarono lì, ai piedi dell’alta­re maggiore. Più o meno, allo stesso modo mori mio nonno Claudio, padre di mia madre, scambiato dal tedeschi per un giovane. In quei giorni ammazzare una persona era facilissimo, caro dottor Savoia, e non si subiva nemmeno un processo, come quello che tu hai subito.

In quei giorni morire era facile, e per vivere si faceva di tutto, ci s’industriava a vendere di tutto, come fece ingegnosamente una «zarellara» dei Banchi Nuovi, che, nella Befana del 1944, si mise a vendere palloncini ricavati dai preservativi dei soldati america­ni. Mia madre s’industriava vendendo del sapone fatto in casa – si fa per dire – perché in realtà eravamo accampati in una casa-botte­ga di nonno Claudio, in piazza del Gesù, invasa totalmente dalle macerie del bombardamento del 4 agosto 1943. Noi ci eravamo li trasferiti da piazza Sant’Erasmo, al Porto, dopo che la nostra casa era stata sventrata da un pezzo della nave esplosa nel marzo del ‘43. Lì, oltre a vendere il sapone, mia madre vendeva anche lo zucchero di contrabbando, tant’è che una volta subimmo una perquisizione della polizia. Ma fortunatamente una comare di nonna ebbe la felice idea di nascondere vari sacchetti,di zucchero nel pianoforte verticale, sui quale io mi esercitavo a suonare, e i poliziotti cercarono dappertutto, perfino nei materassi, tralasciando il vecchio strumento. Era questa la realtà collettiva della nostra città, e tale rimase oltre il giugno del ‘46, quando, perlomeno, avem­mo la fortuna che i Savoia fossero definitivamente cacciati via.

Ma con tutto ciò, caro dottor Savoia, a scanso di equivoci, ti chiarisco che non sono neoborbonico. Ma un re un re come Carlo di Borbone i Savoia se lo sognano, e che gli effetti di quel regno illuminato si riflessero a lungo sui discendenti di quella dinastia; ma ai Borbone si imputano gravi colpe, come la vergognosa fuga di Ferdinando dalla città, nel 1798, all’approssimarsi dell’esercito francese. Nè sarà mai perdonabile la barbara macelleria del ’99, il tradimento compiuto verso i rivoluzionari giacobini che capitolarono con la garanzia di avere salva la vita. Ma i tuoi avi, caro Savoia, hanno usurpato il regno delle due Sicilie, lo hanno spogliato come terra di conquista, abbandonando il Sud alla miseria, alla disoccupazione, all’emigrazione, al mancato sviluppo economico; sono responsabili di avere impiegato i meridionali come carne da cannone nelle guerre d’Africa, nella guerra ‘15-’18; sono colpevoli di avere aperto le porte al fascismo, di avere firmato una nefanda dichiarazione di guerra, i cui esiti a Napoli furono catastrofici e tuttora sono visibili.A tale proposito, caro dottor Savoia, non so se ricordi quale era, urbanisticamente, l’aspetto della nostra città nel ‘46, e allora quando verrai, se verrai, volgi uno sguardo alla collina del Vomero, a Posillipo, a Mergellina, alla Riviera di Chiaia, a via Marina, a piazza Mercato, e ti salteranno agli occhi gli oltraggi edilizi, gli abusi, gli scempi, che in nome di un partito monarchico, i laurini hanno perpetrato sulla città. Né dimentico le visite del sindaco Lauro a tuo padre Umberto in Portogallo, il quale si faceva ritrarre nell’atto di stringere la mano a dan Achille, e questi pubblicava le foto sul «Roma», quasi a mostrare la legittimità di una sua carica di novello Vicerè. Se tu venissi a Napoli, caro Savoia, per chiedere perdono del male fatto alla nostra città dalla tua famiglia, ti riconoscerei una qualche nobiltà. Ma tu tornerai con l’albagia del tuo rango, sarai ricevuto tra salamelecchi e baciamani al Circolo dell’Unione, e già mi vedo medaglie e nastrini e collari di’ ordini cavallereschi, e croci lucidate al Sidol, e altre chincagliene del genere, messi in bella mostra non tanto per onorare te, sappio, ma per ribadire i privilegi di un potere, che, sia pure storicamente disconosciuto, esercita tuttora una sua negativa influenza. Eppure, quando ti vedrai circondato da sorrisi di dentiere e da battimani difolcloristi­che contesse e baronesse, ricordati che ci sono anche tanti napoletani come me; e siamo noi i discendenti di Giambattista Vico, di Vincenzo Cuoco, di Benedetto Cro­ce, del professore Caccioppoli, che le palle non le hanno mai avute sulla corona ma dove di solito si collocano..

Scusami, tra l’altro, caro Savoia, se ti ho chiamato «dottore», ma è questo l’appellativo che a Napoli i gestori di parcheggio abusivo sogliono dare ai clienti cui non sanno che titolo dare.

firmato : Maestro Roberto De Simone

———————————————————————————-

Al principino Emanuele Umberto Reza Ciro René Maria Filiberto di Savoia, (il babbo ha messo la “sepponta”1  anche all’amico del cuore e di affari Reza Pahlavi) dedico questa mia invettiva alla maniera di Shakespeare.

Orbene messere, malgrado il tuo cocchio rifinito di oro zecchino,

malgrado la tua coppia di destrieri d’Arabia,

malgrado la tua giubba di Fiandra ed i tuoi merletti di Arles,

malgrado il tuo sguardo che va oltre noi miseri mortali,

come se fossimo trasparenti

qual ghiaccio di montagna,

malgrado il tuo portamento slanciato

che domina noi poveri botoli rincagnati e tondi

per il cibo sempre uguale,

mentre tu pasteggi

con ostriche e fagiani

e li innaffi con vino regale

ebbene messere,

sappi che

malgrado tutto ciò

ed altro ancora

che il rispetto, non certo per te

ma per chi mi legge,

mi impone di tacere,

è arrivata l’ora che qualcuno

ti dia la lezione che meriti.

Caro messere

ascolta queste mie forbite parole

anche se ti sarà difficile intendere

perché i tuoi ai e precettori fuggirono disperati

dalla tua avita magione

a cagione della tua refrattarietà all’apprendere.

Cerca, orsu, di sforzarti

anche se lo sforzo ti aggrotterà la fronte

ma sappi che così più ristretta sarà la tua calotta cranica

più atta ad ospitar il tuo cervello

che essendo meno nel vuoto

potrà, almeno una volta nella sua pigra vita,

funzionare.

Quel tuo misero cervello tanto simile al frutto di un’ostrica

ormai avvizzito per il non uso.

In conclusione messere

ora che lo sforzo ti rende recettivo

ascolta

ecco cosa ho da dirti:

va ad accoppiarti

in guisa degli abitanti dell’antica Sodoma

ma vedi se puoi

cerca di farlo molto ma molto lontano da noi. 

In conclusione:  gli unici savoiardi che tollero sono quelli nel Tiramisù!

 Nota 1 Sepponta (verbo sepppontare): nel suo significato originario, la sepponta è un sostegno, qualcosa che aiuta a stare in piedi, che sostiene. Nell’accezione più comune, indica l’usanza di trasferire al primo nipote maschio il nome del nonno, allo scopo di far sopravvivere il casato o anche imporre il nome di persone che si ritengono importanti.

Latest posts by (Collaborazione esterna) (see all)

9 thoughts on “A proposito del savoiardo canterino

  1. Ottimo articolo e anche io concordo.E' pur vero che il giovane rampollo di casa Savoia non debba portare il peso delle colpe dei suoi avi,ma neanche ergersi a paladino dell'Italia.La frase più mielosa del testo":Ricordo quando ero bambino e sognavo di tornare"…Ma per favore…E mentre il tenore(peccato per lui)diceva:Italia amore mio,io canticchiavo"Over the rainbow"……Una curiosità.Questa lettera è stata scritta davvero o è frutto della tua fervida fantasia?

    1. Antonella è vera, totalmente ed assolutamente vera, Ed avrei voluta scriverla io…. Il maestro De Simone è un grandissimo.
      Hai ascoltato la parodia che ho postato nei commenti?
      Da morire dal ridere!

  2. Confesso di non provare la stessa tua rabbia nel sapere (non l'ho visto) il Savoia a Sanremo.
    O, perlomeno, non è la stessa.
    Mi fa rabbia percepire il "livello Pazzaglia" degli italioti che sbavano di fronte ad un nome famoso, senza saper nemmeno per quale motivo è famoso.
    Ho vissuto gli anni storici del nonno solo nelle parole e nei ricordi dei miei genitori che mi hanno formato una coscienza dove questi rampolli non trovano posto.
    Mi fa rabbia vedere manipolate le cose in modo così plateale: cacciato, ripescato,in odore di vittoria; così come mi fa rabbia vedere come le cose siano andate in modo da accontentare"casualmente" il gran visir Costanzo e signora.
    Si vive benissimo anche senza Sanremo, ma è lo specchio del nostro paese, di quanto siamo idioti e di quanto ci trattino da idioti, senza nemmeno più far finta che non sia vero.
    Per quel che mi riguarda, se non percepissi "casini" vari dietro la sua presenza ( avrei dovuto scriverlo maiuscolo) il rampollo potrebbe indisturbato fare tutto ciò che gli pare, dai sottaceti al tango, alle canzoni.
    Le colpe del nonno non devono esere le sue, altrimenti, se così fosse, per favore, cacciate la Mussolini da Montecitorio.

    1. Carla non dico che il savoiardo canterino debba pagare i debiti di casa Savoia, ma che voglia diventare il simbolo dell'Italia …. è troppo!
      Sulla ducia … beh non mi va di vederla a Montecitorio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.