bionda di farel

 

A casa, dopo l’abbraccio di gruppo

 

Ramon e Clarence sono seduti a tavola, sembrerebbe tutto normale, ma non lo è.

Cla’ fa ogni cosa in automatico, come se un pensiero lo distogliesse dal contesto.
Ramon teme che se la sia presa.

 

– Ti ho già chiesto scusa… che altro devo fare?

Cla’ (pacato) – Non mi devi chiedere scusa… non sono mica arrabbiato, anzi…

 

– Sicuro?

 

– Sicurissimo.

 

– E allora perché ti comporti così?

– Così come?

(Ramon) – Distante.

 

Cla’ beve un sorso d’acqua.

– Stavo pensando…
Temo che Pa’ ci mandi affanculo… non lo vorrei…

 

una bionda fra noi

Ramon sospira.
– Cosa vuoi che faccia? Di’ e io eseguo… Qualunque cosa, se ti fa felice…

 

– La verità?

Ramon annuisce.

Lei al posto di Didy.

 

– Non usi mezzi termini…

 

– Arrivati a sto punto… (pausa)
È te che non so che vuoi… o meglio…

Ramon fa per dire qualcosa, ma Cla’ va sparato come un treno

– Tu non hai mai parlato di Pa’ se non come un’amica, e forse non hai mai pensato a lei come a una donna, fino a stasera…

– Lo ammetto, mi ha preso finora solo Didy… ma è logico, Cla’… Pa’ è sposata lo sai anche tu, poi col carattere che ha… lo vedi, con lei si può parlare di tutto, si ride e si scherza, si fa sfottere, ma del suo privato so ben poco, lei sa tutto di me, ma di sé non dice mai niente, non a me almeno… mi è sempre parsa ‘intoccabile’, ecco, non so se rendo l’idea…

 

– Ma ti piace?

 

Ramon resta incerto, non sa se può continuare.

– Se non fossi arrivato tu, probabilmente sarei andato oltre… sempre che lei non mi mollasse un ceffone prima…

Cla’ taglia un pezzetto di carne e lo porta alle labbra, ridacchiando.
– Ha contagiato pure te?

– Boh… dovrei verificarlo meglio…

 

– Che proponi di fare?

 

– La portiamo al Tuscolano, Cla’?

 

Entrambi scoppiano a ridere come due scemi.

 

——-

Quella stessa sera, al telefono con Didy

 

Ramon – Hai sentito Pa’ per caso?

– No, perché?

– C’è stato un… non so come dire… fuori programma.

Silenzio.

 

dettaglio bacio gamy-ramon– Quello che penso io?

– No, sei lontana anni luce. Solo uno struscio… e un bacio.

– Non ci posso credere… Lei si è spinta a tanto?

– No, io… solo che non ci siamo accorti che c’era Cla’…

 

– Oddio, lui come l’ha presa?

– Bene, ci ha abbracciati entrambi.

 

– Non mi sorprende…
Fammela chiamare va, chissà com’è rimasta… Vediamo se le tiro fuori qualcosa.

 

——-

Fuori dalla redazione, ultima decade di giugno

 

Clarence e Ramon stanno salendo in auto per tornare a casa.

Ramon – È parso anche a te che lei volesse evitare di rimanere sola con noi?

Cla’ – …E che per questo ha tagliato la corda con Didy? (pausa)
Direi di sì… Però mi sembra normale… La volta scorsa l’hai messa in grande difficoltà…

 

Ramon mette in moto e si avvia.
– L’ho presa alla sprovvista, ok, lo ammetto… m’è venuto spontaneo fare così, in quel momento non avevo altri fini…

– Lei però forse non l’ha preso così quel bacio… Sono rimasto sorpreso anch’io…

 

Ramon sembra tornare con la mente a quella situazione.

– Vabbè… però è adulta e vaccinata… anche se a volte ho l’impressione opposta…

– Cioè?

– A volte mi sembra una bambina, o una donna di un altro mondo…

 

Fermi al semaforo.

– Ma non sei tu che hai detto che c’è lei dietro le scelte sentimentali di Didy?
Che l’ha sempre spinta ad avere rapporti liberi?

– Didy dice che Pa’ ha una visione estremamente tollerante e aperta, però per gli altri… poi per se stessa, chissà…
Che ti aspetti da una che sta da una vita con lo stesso uomo?
O lui c’ha grandi numeri o lei è una santa…

 

——-

vetrine

Per strada, tra una vetrina e l’altra

Le due amiche a loro volta discutono degli ultimi accadimenti. O meglio, è solo Didy a parlare, Gamy resta in silenzio, pensierosa.

 

Didy – Non si può certo andare avanti così… ormai sono giorni che a stento scambiate una parola voi 3… e solo perché tu ti sottrai…

Gamy la guarda e non favella.

Didy – Oggi era palpabile il disagio, Pa’… Quei due sicuro volevano restare soli con te e non con me, sembrava che aspettassero che la redazione si svuotasse, e tu gli hai sconvolto i piani… Comunque, per tua informazione, se ne sono accorti tutti che c’è qualcosa che non va…

 

Finalmente Gamy si decide a parlare.

– Didy, non so più che fare.

 

– Ah finalmente! Allora ce l’hai la lingua…

– Cretina!

 

– A proposito, te l’ha messa la lingua in bocca Ramon o ha fatto solo finta?

Gamy le sgrana gli occhi.

 

– Ok, niente dettagli. È chiaro che si è spinto oltre… non avresti reagito così…

(pausa)
– Però non è stato male, dai ammettilo…

 

Gamy sospira.

– Ormai quando arriva non fa che baciarmi o palparmi le chiappe… e poi davanti a tutti, come se fosse normale, mi dice pure “Zitta donna, abituati…”

 

Didy si mette a ridere.

 

– Dai, magari Ramon ha finalmente capito cosa deve fare…

Gamy – Faresti capire anche me?

 

– Semplice. Voi 3 siete fatti per stare insieme. Punto.

– Tu sei pazza, Didy.

– Io sono pazza?
Quando è successo a me tu che hai detto? Fattelo (Ramon)… e poi… fatti pure Clarence.

– Ma era diverso…

– No, è uguale. Anch’io non ero libera, anzi stavo molto peggio di te…

 

– Credi davvero?

 

– Sì che lo credo.
Pa’, diciamoci le cose come stanno. Se non te ne fottesse un piffero di quei due, li manderesti a digerire senza farti problemi, aspetteresti che gli passa…

Gamy la guarda come chi cerca davvero di essere aiutato.

binari

 

Didy – Lo so cos’è che ti preoccupa…
Amici si resta sempre, anche se le cose cambiano, e questo tu lo sai. Magari i primi tempi è più difficile tornare nei binari, ma poi ce la si fa.
(pausa)
Tu però non hai paura che le cose si rovinino, tu hai paura di quello che potrebbe succedere a te se solo ti lasciassi andare…

Gamy resta ammutolita.

– …Perché tu provi qualcosa per loro, ammettilo, è questo che ti crea problema…

– Perché parli al plurale?

– Perché sembrava ti piacesse solo Clarence, ma a te piacciono entrambi.

 

 – Parli da amica o da psicanalista?

– Da tutt’e due.

 

Gamy – La verità è che li vedo come una cosa sola, anche se con due corpi e con due anime. Qualcosa da non dividere.

– E tu mica li devi dividere, devi semmai farli gioire entrambi.
Questi due stanno bene insieme, forse però si sentono incompleti senza una donna.

 

– Non sei riuscita tu, perché dovrei farcela io?

gocce d'acqua

– Perché è diverso, a me Clarence piace, però non me lo tira… troppo perfetto, troppo tutto… il contrario di un selvaggio… Clarence va bene a te, siete due gocce d’acqua, lo dice anche Ramon…

– E Ramon scusa, come la metti?

 

– Ramon non ha problemi, lui non ha un tipo di donna predefinito… ma è facilitato se ha un legame. E guarda caso ce l’ha con te… e a te Ramon piace, non è vero?

 

– Non lo so… forse sì.
Ma io non intendevo questo. Volevo dire… a te non dà fastidio?

 

– Perché dovrebbe? Non sono la persona giusta, tutto qua.

 

Gamy resta in silenzio. Poi riprende

– Dimentichi il problema principale.

Didy resta in attesa che prosegua.

 

– Questi non vogliono un legame platonico o un’amica che li spupazzi di tanto in tanto. Vogliono qualcuno che li ami, e che loro possano amare. Totalmente.

– Già, e tu hai un marito, vuoi dire…

 

Gamy annuisce.

 

– Nulla è per sempre, Pa’.

Si vive qui e ora. Se rinunci a loro, sarete infelici in tre e forse ne fai infelice pure un quarto… Comunque la metti… (pausa)
Devi solo limitare il danno…

 

– Ma a loro potrebbe passare così, col tempo… ci si rassegna, in fondo…

reggiseno

 

– Con altre forse sì, ma non con te.
(indicandolo) Che ne pensi di questo reggiseno?

 

 

——-

Casa di Clarence, a letto (di sera)

 

Abbarbicato con braccia e gambe sul lato sinistro del corpo di Cla’, Ramon gli passa in rassegna la peluria del torace, intervallando le sue misurazioni con piccoli morsi e baci. Cla’ non protesta, benché l’operazione sia decisamente fuori orario.

 

Ramon – Non è ancora pronta…

– Chi, Pa’?

– No, la peluria… (pausa) Ma tu oh, pensiero fisso…

Cla’ – No, è che…

 

Ramon si blocca e lo guarda.

Cla’ – Tu che le faresti? Potendo, voglio dire?

 

– Che le farei? Non so… tu?

esile

(Cla’, deciso) – La metterei sospesa, è così esile…

 

Ramon fa la faccia furbetta.

Cla’ aspetta di sentire la sua.

 

Ramon – A me invece verrebbe di piegarla su di un tavolo, m’intriga il suo lato B…

(compiaciuto) – Ah, allora l’hai menato l’occhio…

 

 

Ramon – Le donne non le guardo, lo sai, ma quelle sue fossette laggiù che ammiccano… (pausa)
Oppure un bel sandwich, che ne dici?

 

Clarence mormora qualcosa tra i denti.

Ramon – Eh?

– Dico che siamo impazziti… Ti rendi conto di che stiamo dicendo?

Ramon – Non c’è niente di male…

 

Cla’ lo guarda, la mano di Ramon bloccata sul torace.

– Tu sei ancora in tempo, Ramon, stalle lontano…

 

(sconcertato) – Ma che dici?

 

– Non voglio che affondi insieme a me, Pa’ è come una malattia del sangue, non dà tregua…

 

Ramon istintivamente si copre le orecchie, come chi non vuol sentire.
– NO…

Clarence continua a ruota libera, come se volesse confessarsi
– Già prima di toccarla ti entra nel sangue, come un virus silenzioso… e quando te ne accorgi è troppo tardi… ti ha già cambiato la vita.

 

Ramon si serra a Clarence con tutte le sue forze.

– Non me ne importa, rischierò. Solo non ti lascio.

 

affogare 

dall’inviato (supplente) Gamy Moore per SCOP, Società Cooperativa Organizzatori Panzane

 

Gamy Moore
Follow me

Gamy Moore

Gamy Moore, ovvero Paoletta, Piumetta, e chi più ne ha più ne metta... Croce e delizia della rete.
Sceneggiatrice, scrittrice, poetessa in rima.
E il mondo viveva meglio prima.
Gamy Moore
Follow me

One thought on “Scoop by Scop (Novella 2011 – Che le farei…)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.