notte da lupi

Doveva essere una giornata piena e piacevole.
Invece si è trasformata in un incubo. Il peggiore…
Del resto, non era una notte “de paura”?

 

31 ottobre

halloween 

Nel pomeriggio ciak sul set di uno spot per Cla’ e Tatoo, poi in serata festa di Halloween con tutto il cast in un locale, a partire dalle 23.

 

Ramon accompagna Cla’ alle prove, poi approfitta della presenza di Chiara, la truccatrice e stylist, che lo sistema come un perfetto licantropo. Assolutamente irriconoscibile, Ramon segue da dietro il monitor ciò che sta avvenendo in scena. Il regista e l’aiuto regista spiegano a uno degli attori un po’ imbranato per l’emozione come deve comportarsi con il suo compagno di scena prendendo ad esempio Cla’ e Tatoo, che a loro dire sono assolutamente calati nel ruolo.

 

Tatoo spotRegista, mostrando uno spezzone – Vedi qui come lo guarda?

 

L’attore annuisce.

 

– Se tra due persone c’è feeling te ne accorgi subito, anche la distanza fra i corpi si riduce, c’è un “contatto” ancora prima di toccarsi… rendo l’idea?
(pausa)
Dai, rifacciamola.

 

L’attore torna in scena.

 

(aiuto regista) – Vabbè, per loro due è un gioco da ragazzi, stanno assieme da una vita…

 

regista – Veramente a me risulta il contrario.

 

– Sì, l’ho sentito pure io…

Però mi ci gioco i coglioni che quei due prima o poi tornano insieme.
Me l’ha fatto capire anche Tommy, è solo questione di tempo… (pausa)
Del resto, li ho visti io stesso a Roma est giorni fa e non era la scena di un film…

 

Centro commerciale e questione di tempo: questi due pensieri di colpo ottenebrano il cervello di Ramon. Scivola via dagli studios vestito da licantropo, e diventa immediatamente irreperibile al cellulare.

Finite le riprese Cla’ lo cerca dappertutto, Chiara è andata via e non risponde al cell. Nessuno l’ha visto o sa dov’è Ramon.
Cla’ telefona a tutti, a Pa’, perfino a Didy, ma niente.

 
cla' gentlemanAlle undici di sera, Cla’, vestito da gentleman inglese anni ’30 fa la sua comparsa alla festa, sperando che Ramon sia già là. Non sa come può essere mascherato e aspetta disperatamente un suo cenno. Che non arriva. Arriva invece Tatoo travestito; accortosi che Cla’ è nervosissimo per questo fuori programma gli sta sempre appresso cercando di sollevarlo.
Ramon arriva in sordina e li osserva a debita distanza. Non li perde d’occhio un momento, e li segue perfino in bagno.

 

Nella toilette, approfittando del fatto che sono soli, o credono di essere tali, Tatoo si lascia andare a delle confidenze. Dice che con Nick le cose sono complicate, che lui ha nostalgia del passato. Cla’ è teso, ascolta ma ha poca voglia di parlare a sua volta. Tatoo lo vede nero e tenta a modo suo di consolarlo.

 

– Dai baby fammi un sorriso, vedrai che Ramon ritorna…
Cla’ annuisce, sorridendo appena, più che altro per compiacerlo.

– Vedi che lo sai fare?

 

Tatoo avvicina il suo volto a quello di Clarence e lo bacia sulle labbra.

Cla’ non ha neanche la forza di sottrarsi.

Cla’ (laconico) – Andiamo di là, magari è già arrivato.

 

E purtroppo Ramon è arrivato, e ha visto quanto basta per decidere di lasciare la festa.


Incurante di tutte le chiamate di Cla’ e dei suoi sms, Ramon chiama Bobby, che andava a un’altra festa in maschera e lo raggiunge.

Complice qualche bicchiere, Ramon e Bobby se ne vanno poi a casa di quest’ultimo, non prima di aver acquistato della cioccolata fusa, come ai tempi di Didy…

 cioccolata fusa

Intorno a mezzanotte Cla’ chiama Pa’ che è andata con Didy a un’altra festa, e le comunica che Ramon ancora non si è visto.

Insieme vanno a cercarlo in giro, a Via Galbani, nei pub che di solito frequentano, ma niente.
Cla’ chiede a Pa’ se può restare con lui quella notte, lei risponde che non può, non è sola e deve rientrare.

 

Di notte, separatamente, sia Cla’ che Pa’ non chiudono occhio.

 

In mattinata Pa’ va a casa di Cla’, e mentre stanno cercando di capire cosa fare arriva Ramon, che si dirige sparato in camera da letto nell’intento di prendere le sue cose e riempire un borsone.

 

 

Cla’ – Che cazzo fai?!

 

– Vado a stare a casa mia. È meglio che ci prendiamo una pausa…

 

 

– Tu non vai da nessuna parte!!!

 

– Ah no? E chi me lo impedisce?

 

– Io te lo impedisco… mi dici che cazzo ti prende stavolta?
Che è successo, cosa avrò mai fatto???

 

Ramon stranamente non si agita e continua a tirar fuori roba dall’armadio.

– Lasciami perdere, che è meglio.

 

pa' abito grigioPa’ è talmente esterrefatta da rimanere immobile sulla soglia della stanza.

 

Cla’ – Neanche per sogno, tu mo’ parli!

 

Ramon – Non c’è niente da dire.

 

(sbalordito) – Ah! Pensi di cavartela così?

 

 

Cla’ fa per avvicinarsi e ostacolarlo nelle azioni

 

– Ciccio, aria! Non sono in vena…

 

– Non capisco, proprio non capisco!
Ti sei bevuto il cervello, non c’è altra spiegazione…

 

Ramon chiude il borsone e lo mette per terra.

A quel punto Pa’ si avvicina e interviene

 

– Ramon però scusa…

 

guanti da licantropo– Zitta tu, con te facciamo i conti dopo…

 

(incredula) – Pure con me ce l’hai?

 

Ramon li fissa con odio.

(sibilante) – Mi avete mentito… dovevate andare insieme al centro commerciale per i wallpaper… e invece lui si è incontrato là con Tatoo per pomiciare… e tu l’hai coperto, come fai sempre quando si tratta di lui…

 

Pa’ (alterata) – Ma quando mai???
Stai dando i numeri Ramon…

 

Cla’ scuote la testa, di colpo crede di aver capito a cosa Ramon si riferisce.

 

Pa’ – Guarda che siamo andati io e lui, da soli, a prendere i wallpaper, se vuoi te li faccio vedere… anzi c’ho ancora lo scontrino nella borsa (fa per cercarlo).

 

Cla’ – Pa’ ho capito dove vuole arrivare… Ti ricordi quando abbiamo incrociato Thomas?

 

– E allora?

centro commerciale Roma est
– Qualcuno ci avrà visti insieme fuori dal negozio e lo ha detto a Ramon.

 

– Complimenti, hai fatto due più due finalmente.

 

– Non ricordo neanche più cosa può averti dato fastidio… un bacio a Tatoo, una stretta di mano? Mi ha messo una mano dove non doveva? Non credo proprio, davanti a tutti…

 

 

(Ramon, sibilante) – Ti ha guardato come uno che ti ama, perché lui ti ama e va dicendo in giro che tornerà con te.

 

– Ma chi t’ha detto una simile stronzata?

 

– Stefano, l’aiuto regista. Ieri, sul set.

 

(urlando) – E tu gli credi? Credi a lui che è un perfetto estraneo, e non credi a me? 

 Ma ti rendi minimamente conto di come sono stato tutta ieri e stanotte?

 cipollone

 

Cla’ si siede sul bordo del letto, sembra quasi sul punto di mettersi a piangere.

 

 

Solo allora Ramon si rende conto della piega che ha preso la situazione.

– Mi dispiace, non volevo farti preoccupare.

 

 

– No? e allora per quale cazzo di motivo ti sei dileguato ed eri irrintracciabile?

 

Ramon rimane in silenzio.

Sa di essere lui ora a dover dare spiegazioni, e si vergogna come un ladro.

 

Cla’ intuisce e riprende il controllo.

– Dove sei stato?

 

 

Ramon appare esitante.

 

– Te lo ripeto. DOVE SEI STATO?

 

– In giro con Bobby.

 

– E poi?

 

 

(a denti stretti) – A casa sua.

 

bobby– Hai ‘dormito’ da lui?

 

 

Ramon lo guarda come un bambino che l’ha fatta grossa.

 

Cla’ lo incalza
– Che avete fatto?

 

Ramon non ha il coraggio di parlare e si siede sulla sponda del letto.

 

– Quello che penso io?

 

Cla’ e Pa’ restano muti in attesa.

 

 

Ramon – Peggio…

 

– Che ci può essere di peggio?

 

Tenendo la testa bassa

Mi ha tirato via la cioccolata di dosso… anche là…

 

 

– E per questo volevi andartene, non perché eri arrabbiato con me?

 

L’espressione di Ramon cambia di colpo

 

– Mi vergogno di quello che ho fatto. E mi dispiace.
Ho pensato che tu non mi avresti più… hai capito.

 

Cla’ sospira, prende a fissare il pavimento. Poi si volta.

 

– Che gli facciamo, Pa’?

 

 

– Io gli farei una ceretta a caldo, sulla pancia, tanto per gradire…

 

Ramon abbassa lo sguardo, sa che se lo meriterebbe.

 

 

Cla’ – Io invece… vieni qua imbecille.

 

 

Ramon si alza e si va a mettere tutto mogio accanto a Cla’.

 

Cla’ gli dà un paio di buffetti sulle guance, poi lo spinge giù e lo sovrasta col suo corpo.

Incurante della presenza di Pa’ fa scivolare le sue mani dappertutto, come a riprendere il contatto e possesso del corpo di Ramon.

 

 

 

– Beh raga’, ci vediamo!

 

Senza neanche sollevare lo sguardo

 

Cla’ – Passi più tardi, Pa’?

 

 

(gongolante e allusiva) – Noooo, ci sentiamo domani…

 

 

E finalmente Pa’ sulle scale poté tirare un sospiro di sollievo.

scale al nomentano

 

 

 

(Dall’inviato Farina 00)

 

 


(SCOP, Società Cooperativa Organizzatori Panzane)

 

Latest posts by (Collaborazione esterna) (see all)

One thought on “Scoop by Scop (Novella 2011 – Una notte da lupi)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.