24 agosto, in Redazione

 

(Bea) – Lonfiamo nei lieti calici!

(Pa’) – E come è consuetudine, lonfiamo nei lieti calici alla bizzacca e alla buzzurra…

 

(Ramon, entrando) – Ma come, non mi avete invitato alla ragnacca?

(Raffo) – Qui si ribasca e si appoltalla all’insaputa della concasca dei farchilloni!
C’è qualcuno che arrusca e qualcun altro che arrosca…

(Pa’) – Ma cosa dici? Te allocchi? S’assida un altro!

 

(Juan, dalla Malesia, si infossica) – La dispamia non tricolare del quantiasso parentico, onde quarellare la patricca, cnateressa l’inculzonare vertiquo del mantripolamento. Ella allora incontrisce e scurtula a destra.

(Didy) – Sia mai?!
Così lonfare arrampica la struffa?
Che lonfia e che superbia dunque!

(Ramon) – Lonfate tutti, che a lonfar si azzerbica e si arraffa, indi si scuote il nocciolo della questione, ovver si spampina!

 

(Pa’) – Siamo seri, che lavorare abbambola e t’abbacchia…

Prendi parola e ciancina, Lord Abbott, del lonfo c’hai incalluto.

 

(Raffo) – C’era una volta un lonfo molto ristacchio e spelliante. La sua vita pisquillava senza ruffa ed allora una mattina ribascò e si appoltallò all’insaputa della concasca dei farchilloni.
Ed ora c’è qualcuno che arrusca e qualcun altro che arrosca, ma il lonfo si impocchia nella cuzza del fozzo.
È fristo il lonfo martelluto, non si ammicchia né s’affrocchia.
Ordunque zanflisce, fascicchia e rastolla ed alla fine si alluffa.
Povero lonfo gongoluso!

 

(Pa’) – Temperatura a Roma: 38 gradi accertati, percepiti oltre 40.
C’è sempre una spiegazione razionale.
Temperatura a Grumo Nevano: idem.

Temperatura in Malesia: non pervenuta, ma si presume non diversa da quelle registrate in Italia.

 

(Raffo) – Ma ho l’aria condizionata a palla, forse è il fresco che fa male e turba i neuroni.

 

(Pa’) – Dici che arruncola i nirotidi?

(Raffo) – I nirotidi si ammuffano, si ricostolano e perché no si zumbastano nella mistracchia poffolante.

 

(Pa’) – Brindiamo orsù alla rinata impastrica.

 

(Raffo) – Vacazzi lo zanto, lo runfo e lo sfocchio, rinacchi la covazza, ma non la postrinzi, troppo farfosa la covazza!

 

(Ramon) – Ma sì! Viva la covazza, il Lonfo e pure lo Smandricchio, che non spopola ma rampica e quando vuole, inzucchia…

 

 

lonfo

 

 

Omaggio al Lonfo di Fosco Maraini

 

 

 

 

httpv://youtu.be/t8FnnFISXjk

Gamy Moore
Follow me

Gamy Moore

Gamy Moore, ovvero Paoletta, Piumetta, e chi più ne ha più ne metta... Croce e delizia della rete.
Sceneggiatrice, scrittrice, poetessa in rima.
E il mondo viveva meglio prima.
Gamy Moore
Follow me

Latest posts by Gamy Moore (see all)

2 thoughts on “Lonfare, che passione!

  1. L’intervento di Ramon è abbastanza comprensibile, tenuto conto che nella sua testa circola mediamente un solo pensiero… Dirò solo che lo Smandricchio è un sinonimo di Gigio (per chi segue la fiction). Quindi la covazza è…
    A buon intenditor…

  2. Un esempio di metasemantica è il sonetto “Il lonfo”, di Fosco Maraini.

    Il Lonfo non vaterca né gluisce
    e molto raramente barigatta,
    ma quando soffia il bego a bisce bisce
    sdilenca un poco e gnagio s’archipatta.

    È frusco il Lonfo! È pieno di lupigna
    arrafferia malversa e sofolenta!
    Se cionfi ti sbiduglia e t’arrupigna
    se lugri ti botalla e ti criventa.

    Eppure il vecchio Lonfo ammargelluto
    che bete e zugghia e fonca nei trombazzi
    fa lègica busìa, fa gisbuto;

    e quasi quasi in segno di sberdazzi
    gli affarferesti un gniffo. Ma lui zuto
    t’ alloppa, ti sbernecchia; e tu l’accazzi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.