lennon intervista

Intervista a Ramon e Clarence

 

Casa di Clarence
22 aprile 2011 (quella sera è stata dura, in tutti i sensi…)

 

 

Intervistatrice: Approfittiamo dell’assenza di Ramon in questo momento per parlare male di lui, vuoi?

 

Clarence: Mi inviti a nozze…

 

Partiamo con un po’ di cattiveria, perché i nostri lettori sono certamente sadici e invidiosi del vostro ménage. Mi è arrivata infatti questa domanda in redazione da uno che si firma Giorgio, il quale chiede:

“Come vivi il rapporto che Ramon ha con Didy? Prevale la gelosia, il rancore o il senso di esclusione?”

 

Cla’: Niente di tutto questo.

Finché non l’ho conosciuta di persona non è stato facile. Lui mi faceva una testa così con Didy già prima che noi… insomma… Lei doveva tenerlo a freno, impresa non facile con Ramon, e poi 3 fidanzati… C’è di che diventarci matto. Solo una donna eccezionale poteva farcela, e lei lo è. Quando l’ho conosciuta un po’ meglio ho capito che non avevo nulla da temere, anzi, fra noi si è instaurata una sorta di complicità, forse perché entrambi lo amiamo.

 

casaCon Ramon fate progetti di una vita sotto lo stesso tetto?

Lui vorrebbe che noi vivessimo tutti e tre nello stesso posto, ma tecnicamente e psicologicamente la cosa non è semplice. In realtà sia io che Didy non rinunceremmo mai ai nostri spazi e a un minimo di privacy. Sarebbe tutto più semplice se almeno Ramon venisse a stare qui da me, la casa è grande…

Ramon ci sta pensando: ha detto che entro fine anno prenderà una decisione. Sempre che noi si resista insieme…

 

Nuvole sul presente o ombre del passato? Ormai il suo status di uomo libero sembrerebbe un ricordo…

Ramon ha avuto molte, moltissime frequentazioni, ma poche storie vere… stabili voglio dire. Ora, a 36 anni, così dice lui, ha trovato finalmente un equilibrio.

 

L’avresti mai detto che era così geloso? Otello al suo cospetto è un principiante.

Onestamente no, non me l’aspettavo, almeno dalle leggende che circolavano su di lui… In effetti è un lato del suo carattere che lui stesso non conosceva.

 

Puoi rivelarci qualche stranezza inedita di Ramon, prima che venga di qua, impedendoci di andare avanti con l’intervista?

 

Fammi pensare…

 

(Silenzio)

 

 

Ramon (dal corridoio): Raga’ posso entrare o vi state rotolando come ricci?

 

Cla’: Entra, scemo!

 

 

Ramon reca con sé un vassoio d’argento pieno di stuzzichini al salame e formaggio. Lo sistema sul letto e si allontana per prendere bicchieri e beveraggi.

 

(Ramon, allontanandosi): Mangiate pure, ho già approfittato mentre preparavo…

  

cacciatorini

Cla’ (sottovoce, a Gamy): Va matto per i cacciatorini…

 

(Ramon, dal corridoio): E non fare la battuta, Cla’!

 

 

Intervistatrice: Ti legge nel pensiero… Dove eravamo?

 

Cla’: Alle stranezze.

(pausa)

Beh, non so se posso…

 

Puoi.

 

Vuole che sia io a scegliere i suoi slip, nei negozi, voglio dire.

 

Perché? Lui è tipo da mettere qualunque cosa addosso?

 

No, usa in prevalenza quelli per i jeans a vita bassa, ma quelli sono ‘normali’ dice lui.

Per le occasioni speciali vuole che io gli faccia indossare (e poi gli sfili…) qualcosa di particolare. Così ho solo l’imbarazzo della scelta, ma io so bene ciò che mi piace…

 

Ci illumini?

 

Boxer, indubbiamente, di seta o tessuti leggerissimi e morbidi. Il resto lo lascio a lui. Sa bene come accendere gli entusiasmi…

 

Possiamo immaginare… E invece stranezze meno hard?

 

Qualche volta mi è capitato di svegliarmi e non trovarlo accanto. Nelle notti di luna se ne stava sul terrazzo a parlare non so con chi. All’inizio credevo che pensasse a voce alta o parlasse con una pianta di rosa che a lui piace molto, poi mi sono accorto che cercava di convincere i gatti del condominio ad arrivare fin quassù, saltando attraverso tetti e tettoie.

 

tetti e gatti

 

A che scopo cercava di attirarli?

 

Per farsi omaggiare delle fusa, come fa sempre con Léon.

Hai presente il re con i suoi sudditi…

 

 

 

  

Si sa che a Ramon non piacciono i bambini, ma con gli animali non ha problemi…

 

(intanto Ramon è ricomparso)

 

Cla’: Essendo un maiale è normale.

 

 

Ramon: Qualcosa mi dice che state parlando di me…Ramon maiale

 

Macché, è solo un’impressione…

 

Ah, beh!

(e fa un grugnito da perfetto suino)

 

  

Altre stranezze?

  

Clarence guarda Ramon.

 

 

Ramon: Mie? (pausa) Se parli giuro che le prendi… O ha già parlato?

 

 

Cla’: Ogni tanto devo cambiare look, per via delle sfilate, così cambio colore di capelli o mi chiedono di far crescere la barba. Ramon osserva il cambiamento e comincia a rompere che pure lui vuole provarci.

 

E tu lo lasci fare?

Cla’: No, biondo proprio non ce lo vedo…

 

Ramon va a un cassetto, tira fuori una parrucca bionda, e se la mette in testa.

 

parrucca Ramon

 

Come sto?

(in coro, Gamy e Clarence) Una schifezza!

 

 

(ingrugnato) Va bene, la riporto a Didy…

 

 

 

Gamy: Vai avanti, Cla’.

Che al mattino controlla lo stato dei miei peli, quella non è una novità…

 

Cioè, cosa fa?

Cla’: Ogni giorno ne controlla la lunghezza, morbidezza, e valuta così se è il caso di procedere.

 

Alla vendemmia?

Cla’: Alla tosatura, mai sia qualcuno va sprecato, chi se lo sente…
Mi ha perfino comprato una crema… (a Ramon) cos’era un idratante o un rinforzante per il pelo?

 

Ramon: Un districante che si usa per i capelli dei bambini, che mantiene le singole fibre morbide e setose…

 

Capisci Pa’ che incubo? Sto con un maniaco feticista…

 

A proposito, Ramon, a che punto è il nuovo catalogo “Tutte le nuances”?

 

Ramon: Langue, purtroppo. Didy in queste cose è piuttosto scarsa.
Sono riuscito a ottenere solo quelli di Bobby, ma solo perché Bobby ha un occhio di riguardo per me.

 

(Cla’ a Gamy): Ora si chiama ‘occhio di riguardo’…

 

Ramon: Diciamo che vorrebbe passare del tempo chiuso con me in ascensore, non necessariamente al Tuscolano… per quanto lì abbondano gli ascensori, i palazzi sono alti… Ti ci devo portare Cla’, rimarrai stupito…

  

Deduco che ancora non ci avete provato in ascensore…vignetta ascensore

 

Ramon: In effetti, è stato un’esclusiva con Didy… Rimedieremo, vero Cla’?

 

Qual è il luogo più romantico e quello più scomodo dove finora l’avete fatto?

Ramon: I lettori di LM hanno di queste curiosità ‘perverse’ o è solo una tua curiosità?

 

Gamy: Metà e metà.

 

Ramon guarda Clarence.

 

Cla’: Quello più scomodo… nel box doccia di casa sua.

 

Ma non è bello spazioso?

Ramon: Sì, ma è scivoloso da morire…

 

Quello più romantico (o comodo, dai)?

 

Cla’ (a Gamy): Romantico?… Sul terrazzo di un locale dove siamo stati quando è venuto a Roma mio fratello Duncan. Eravamo rimasti soli, la serata era tiepida e i divani morbidissimi… Hai presente quei gazebo con le tende, e intorno fiori e candele?

 

Ramon a sua volta annuisce.

gazebo

 

Cla’: Te lo ricordi allora!

 

Ramon: Come no, io mi ricordo sempre tutto…

 

Cla’: Ma va!

 

(Ramon gli si avvicina languido): Mi ricordo ogni cosa fatta con te…

E con destrezza felina gli ruba una fetta di salame dalle labbra.

 

Gamy a Clarence: Insomma ti ama proprio… Ma come hai fatto Cla’ a irretirlo?

 

Cla’: Non ne ho la minima idea… Forse una tegola sulla testa, oppure un fulmine direttamente in spiaggia. È così da quanto è rientrato da Rio.

 

Ramon: Già, tutto ebbe inizio allora, racconteranno i posteri… (pausa)

Ma ora che vi ho anche rifocillato non si potrebbe passare al dunque?

C’ho le palle che scalpitano…

 

Meglio sorvolare sul resto, interverrebbe la censura…

Posso solo dirvi che Ramon ha messo su una vecchia cassetta di Rod Stewart, e ci ha mostrato qualcosa (che aveva addosso) di speciale…

 

 

 

 

 

Gamy Moore
Follow me

Gamy Moore

Gamy Moore, ovvero Paoletta, Piumetta, e chi più ne ha più ne metta... Croce e delizia della rete.
Sceneggiatrice, scrittrice, poetessa in rima.
E il mondo viveva meglio prima.
Gamy Moore
Follow me

Latest posts by Gamy Moore (see all)

2 thoughts on “Come Lennon e Yoko Ono

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.