Questa mattina incontro un amico che non vedevo da tempo che m’invita a prendere un caffè. Non resisto al caffè e poi davvero mi faceva piacere scambiare due chiacchiere, così entriamo in un bar e ordiniamo.

Chiacchierando del più e del meno, inciampo con lo sguardo su una vetrina ricca di scatole di tè, tante marche diverse, colori, gusti, perfino un tè al rhum che alla fine mi convinco a comprare. Tuttavia mi salta all’occhio un’anomalia che proprio non comprendo: i produttori di tè non sanno scrivere come si scrive il… tè! È assurdo, com’è possibile che chi vende qualcosa non sappia come questa cosa venga scritta.

Di seguito qualche esempio, vediamo chi si salva e chi no.

tè infré tè

tè tè


Iniziamo subito col dire che in italiano questa bevanda si scrive con l’accento grave, quindi quella “e” finale la si legge aperta, l’accento si usa per distinguere il termina dal pronome te che si legge con la “e” finale chiusa (come perché), quindi lombardi fate attenzione!

Tolto ogni dubbio, vediamo di capire chi possiamo salvare e chi no.

Thé – Questa è la versione francese, ma fate attenzione all’accento che deve essere acuto e non grave. Viene usata spesso credendo che sia la giusta forma anche in italiano.

Thè – Non significa niente, è un errore.

Tea – È la versione inglese, la pronuncia è ti. Quindi nei tè inglesi è giusto usare questa versione.

Thea – Versione fantasiosa che fonde il francese con l’inglese, il risultato è orrendo oltre a essere del tutto inesatto. Poi c’è chi si diverte a creare ibridi linguistici come Thé verde; bisogna decidersi: o si usa il francese Thé vert oppure, visto che siamo in Italia, Tè verde.

A questo punto sapete tutto, allora date un’occhiata alle immagini di cui sopra, chi sbagli? Non continuate a leggere, ma guardate prima le foto, quindi leggete qui di seguito.

Thé deteinato (Infré) – Sbagliato, stanno usando il francese e l’italiano, perché mai?

Té Ati – Sbagliato, l’accento dev’essere grave e non acuto altrimenti si legge con la “e” chiusa.

The al limone – Obbrobrio. Stanno usando l’articolo determinativo inglese the che si traduce come il, lo, la. Si presume che la Lavazza sta vendendo… il al limone!

Té verde – [Aggiornamento del 27/02/2011] Apparentemente l’accento è sbagliato, ma, come mi ha fatto notare la mia attenta amica Stefania (De Puglia Madre), esso è corretto. Il motivo è che Sunka  è una ditta peruviana e in spagnolo “tè verde” si scrive proprio “té verde” così come appare sulla scatola, sulla quale ci sono altre scritte in spagnolo, come ad esempio filtrantes e peso neto.

Massimo Petrucci
Seguimi

Massimo Petrucci

Per lavoro mi occupo di Web Marketing, ma per passione scrivo racconti, romanzi e rappresentazioni teatrali. Gioco a basket... beh dovrei dire che "mi fanno giocare a basket" i miei cari amici del weekend. Ho creato community di appassionati di cucina e... di diete! Sì, in me vivono demoni e angeli, per tutto il resto c'è il mio blog www.massimopetrucci.it 🙂
Massimo Petrucci
Seguimi

Latest posts by Massimo Petrucci (see all)

One thought on “Il tè a te? Che tè?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.