di Francesco Grano

 

locandina A Beautiful Day

 

Joe (Joaquin Phoenix) è un uomo tormentato da ricorrenti incubi ad occhi aperti. Di giorno si prende amorevolmente cura dell’anziana madre, di notte, invece, si trasforma in uno spietato sicario su commissione. Quando il socio in affari John (John Doman) gli procura un ulteriore incarico per conto del senatore Votto, Joe accetta, nonostante sia sempre più spinto a farla finita con se stesso. Il compito affidatogli è quello di trovare e riportare a casa la figlia del senatore, Nina, finita in un giro di prostituzione. Da quel momento Joe fa della missione una ragione di vita, dando così inizio a una crescente spirale di violenza.

I premi conferiti durante lo scorso Festival di Cannes e il Noir in Festival nonché i commenti della stampa d’oltreoceano e della critica nostrana che riconoscono le influenze provenienti dai vari Taxi Driver, Léon e Drive contenute in A Beautiful Day – You Were Never Really Here (You Were Never Really Here, 2017), non lasciano spazio ad alcun dubbio. Nel nuovo lavoro della regista britannica Lynne Ramsay (…e ora parliamo di Kevin) le fonti di ispirazione non sono di certo tenute nascoste, anzi, sono messe in bella mostra fin dall’inizio del minutaggio filmico. A Beautiful Day, nonostante sia basato su un racconto di Jonathan Ames, vive e si nutre del pathos e delle atmosfere delle tre pellicole sopracitate di Scorsese, Besson e Refn senza tuttavia scadere nel più semplice e banale accumulo citazionista ai limiti del plagio. Semmai la quarta opera della Ramsay riesce a costruire un immaginario tutto suo, mettendo in piedi ambienti e personaggi che potrebbero inizialmente sapere di qualcosa di già visto ma che, lentamente, svelano di essere molto di più: merito dell’ottima caratterizzazione del protagonista, il Joe interpretato da un bravissimo e più robusto Joaquin Phoenix, che non si limitalocandina ad essere la oramai stereotipata figura del sociopatico di turno già vista in molto cinema. Se davvero c’è qualcosa che manca in Joe è proprio la sociopatia: non è un mitomane, né tantomeno un assetato vendicatore in preda al più bieco delirio. Da una parte in lui convivono le “anime” del Travis Bickle di De Niro, del Léon di Reno e del Driver di Gosling, dall’altra, invece, viene fornito un personale, intimo e psicologico background di appartenenza: Joe è dilaniato internamente dai ricordi di un’infanzia difficile, dagli orrori visti in guerra e da quelli vissuti, in seguito, come agente dell’FBI.

Tormenti, questi, che lo portano ad essere non un killer su commissione per denaro o altro, ma un raddrizza torti, un fantasma tra i vivi che corre in aiuto dei più deboli, inabissandosi nei vicoli più sporchi e infidi della metropoli. Non per niente A Beautiful Day riconosce e mette in mostra la sua natura di thriller metropolitano dalle forti connotazioni noir, in cui le notturne location urbane rivestono il ruolo di comprimarie all’azione mettendo nel contempo alla berlina tutto il marciume che si cela dietro le facciate di normalità; perché, in fondo, il nuovo lavoro della regista scoperchia un “mondo nascosto” fatto di corruzione, perversione e chi più ne ha più ne metta, in cui il compito di ristabilire l’ordine non spetta più a chi dovrebbe tutelare il prossimo ma agli anti(eroi) comuni e invisibili. A Beautiful Day è proprio questo: la creazione del mythos – parafrasando un noto brano musicale facente parte della soundtrack di Drive – di un (new) real hero borderline capace di spazzare via il male a martellate, facendo tabula rasa senza remora e senza sosta, anche a costo della propria vita.

Tra sprazzi di brutale e disperata violenza, flashback, tempi lenti e dilatati e momenti dal ritmo più conciso, A Beautiful Day si conferma come un ottimo prodotto dal forte impianto scenotecnico (una regia solida, una superlativa fotografia e un’ottima colonna sonora, a volte dal sapore decisamente lynchiano), ma di certo non un film perfetto (con anzi qualche lieve difetto) che – nonostante la sua carica di cupezza e nichilismo – lascia anche spazio a momenti suggestivi, onirici e – soprattutto – a un barbaglio di speranza e di nuova vita.

 

 

 

Gamy Moore
Follow me

Gamy Moore

Gamy Moore, ovvero Paoletta, Piumetta, e chi più ne ha più ne metta... Croce e delizia della rete.
Sceneggiatrice, scrittrice, poetessa in rima.
E il mondo viveva meglio prima.
Gamy Moore
Follow me

Latest posts by Gamy Moore (see all)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.