Si fa presto a dire “ci sono i soldi e tutto si risolve”.

Si risolve sicuro se a portata di mano c’è la bacchetta magica di Harry Potter.

Trovare un teatro libero per l’inverno quando fuori è estate è impresa che richiede come minimo il ritorno della Forza.

 

Tutti i teatri occupati già un anno prima, alla faccia della crisi.

Pensate dunque alla mia, di faccia, ricevendo miriadi di dinieghi. O richieste esorbitanti, che per quelle c’è sempre spazio.

 

Non so da voi, ma a Roma il tempo è più veloce della luce. Qui non trotta, va al galoppo. E a volte, come nel mio caso, prende addirittura la rincorsa e buonanotte!

 

Invocato Sant’Igor di Chernigov (che non è Putin) e uno stuolo di altri santi in paradiso, ecco che infine si trovò la Sala, che non a caso insisteva in suolo santo, proprietà del Vaticano.

Ora ero io a tremare pensando alle facce delle monache se ancora fosse stato in scena il prete. Evviva i tagli della spesa e del copione…

 

Miracolosamente apparve anche una sala prove, poi una seconda di riserva. Si arruolò il regista e in parte alcuni attori. Vuoi che non vuoi diversi nomi erano ancora in forse. Il che spiegava come mai i teatri (v.sopra) fossero già allocati a dispetto della calura estiva. Un anno di preparazione ormai è la regola, come suggerirebbe opportunamente un wedding planner.

A dicembre, ovvero a due mesi dal debutto, invece noi si brancolava alla ricerca dell’infermiera perduta. Ingaggiata dalla concorrenza.

 

Ne derivò un manuale la cui stesura è stata breve, riassumendosi in un paio di avvertenze:

 

Regola n.1: circondarsi di validi collaboratori;

Regola n.2: sistemare sempre tutto con largo anticipo.

Da ripetere come un rosario per il futuro.

 

Se tutto ciò non accade, allora ricorrere al Maalox.

E al già citato Psicologo.

 

In mancanza di questi cliccare sul video:

 

 

 

A pensarci adesso, Alpitour non poteva farci da sponsor?

 

 

Come che sia, la Creatura stava prendendo corpo, e di giorno in giorno andava riempiendosi anche il mio promemoria personale. 

 

promemoria spettacolo

 

Il dado era tratto.

E mentre noi scaldavamo i motori per dare il via a quest’avventura, già all’orizzonte si stagliavano nuovi motivi per cui aver paura.

 

(continua)

 

terza puntata, clicca qui 

 

Se volete curiosare su Facebook, siamo qua

 

 

 

Gamy Moore
Follow me

Gamy Moore

Gamy Moore, ovvero Paoletta, Piumetta, e chi più ne ha più ne metta... Croce e delizia della rete.
Sceneggiatrice, scrittrice, poetessa in rima.
E il mondo viveva meglio prima.
Gamy Moore
Follow me

Latest posts by Gamy Moore (see all)

One thought on “I dolori del giovane sceneggiatore (IV puntata – Tempus fugit)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.